Il maestro Martini

Home
Contatti
Territorio
Interessi
Il mio paese
Raccolta foto
Pro Loco

01-09-06 

Da pochi mesi è mancato alla nostra comunità Giovanni Martini. Lascia tra noi un grande vuoto perché era, da sempre, un maestro per tutti, vecchi e giovani, nel senso più vero della parola, che rappresentava la nostra memoria storica dopo aver lavorato tutta la vita, con passione e dedizione, a  salvaguardare e tramandare il patrimonio di storia, tradizioni e cultura del nostro territorio; generoso e sempre disponibile, costituiva un punto di riferimento insostituibile per studenti, insegnanti e appassionati, per ricerche, informazioni e consulenze.

 

Era nato a Pieve San Lorenzo (Lucca), piccolo paese a confine fra la Lunigiana e l’Alta Garfagnana, il 27 aprile 1913 dove risiedeva con la sua famiglia. 

Maestro elementare, prima a Batignano di Grosseto, poi a Casola Lunigiana, ha sempre tenuto fede alla sua missione di insegnante sia nella scuola che nella vita di cittadino. Ha diretto il Patronato scolastico di Casola Lunigiana. 

Ha ricoperto più volte la carica di consigliere comunale e di Presidente dell’ECA nel comune di Minucciano, contribuendo attivamente alla costruzione delle strade di collegamento tra i due versanti (garfagnino e lunigianese). E’ stato fra i soci fondatori della Banca di Credito Cooperativo di Gramolazzo.

Appassionato ricercatore di cultura e tradizioni locali, esperto in storia, archeologia, botanica, ha scritto, negli anni, pagine e pagine di appunti, annotazioni meticolose e dettagliate che costituiscono oggi un ricco e prezioso archivio. 

Per questo non gli sono sfuggite, al momento del ritrovamento casuale, le prime statue stele rinvenute nell’Alta valle dell’Aulella, nei pressi del Santuario della Madonna del Soccorso in Minucciano (Lucca). 

Ha collaborato a lungo col professor Augusto Cesare Ambrosi e partecipato alle campagne di scavo effettuate sul territorio (Renzano, Equi Terme, Minucciano). 

Si è anche impegnato nell’opera di rimboschimento, di rinnovo e ammodernamento del patrimonio agricolo e forestale della zona. 

 

Una parte dei suoi scritti è pubblicata nel sito:

www.centroventurelli.org

nella sezione pubblicazioni

 

Precedente | Home | Su

Ultimo aggiornamento: 01-09-06