Il mio paese

Home
Contatti
Territorio
Interessi
Il mio paese
Raccolta foto
Pro Loco

30-06-11

 

Immagini del centro storico

Immagini della Pieve

 

 

Le tradizioni

Il crocifisso ligneo

Il terremoto del 1920

Il bombardamento
del 19 marzo 1944

Dati demografici

Il maestro Martini

Bergiola

 

ACCOGLIENZA

Pieve San Lorenzo

A cavallo dei monti che dividono la valle del Serchio dalla Val di Magra, agli estremi confini nord-occidentali della provincia di Lucca, si sviluppa il territorio di Minucciano, uno dei comuni più estesi della Garfagnana. Qui si trova l’antico borgo di Pieve San Lorenzo, quasi a segnare il limite con la provincia di Massa. Il piccolo centro, racchiuso tra le più alte cime delle Apuane, gode di un paesaggio alpestre di eccezionale bellezza. Il suo territorio è stato per secoli conteso fra le potenze vicine e una minaccia per la Repubblica di Lucca nel cuore dei possedimenti dei Malaspina prima, dei modenesi poi. L’origine del borgo è molto antica: infatti sono state rinvenute nella zona, durante recenti scavi, varie tombe a "cassetta" contenenti suppellettili e vasi cinerari, risalenti al periodo ligure. Indubbie sono anche le vestigia della colonizzazione romana, a cominciare dai numerosi toponimi di derivazione latina. Lucca , nella sua espansione in Garfagnana, conquistò questi territori alla fine del XIII secolo, ma nel 1300 i Malaspina si ripresero il feudo che venne poi ceduto a Firenze. Nel 1369 ritornò alla città della "pantera" con il ruolo di "comune straordinario" per la sua importanza strategica. Pieve San Lorenzo fa parte del versante lunigianese del comune, sulla conca del Tassonaro. In passato questa zona della Garfagnana aveva fatto parte della "podesteria" di Casola.

Il gioiello artistico del territorio è senza dubbio l’antica pieve, che domina il nostro piccolo centro: l’edificio sacro è posto ai piedi delle Apuane in Val di Magra. Il suggestivo tempio è citato in documenti del 1149 e del 1202, con i quali ne veniva confermato il possesso ai vescovi di Luni. La semplice facciata volta a ponente, con bifora, si riallaccia ai moduli stilistici delle pievi romaniche lucchesi. L’abside è coronato da una serie di archetti pensili, l’interno è diviso in tre navate con archi a sesto acuto, sorrette da colonne di macigno che terminano con capitelli di fattura protoromantica. Un tempo questa pieve godeva di grande prestigio religioso, in quanto da essa dipendevano diverse chiese all’intorno, tra cui quella di Metra, Minucciano, Agliano, Castagnola, Gramolazzo, Gorfigliano.

 

Home | Contatti | Territorio | Interessi | Il mio paese | Raccolta foto | Pro Loco

Ultimo aggiornamento: 30-06-11